Русский English Deutsch Le français Español Lingua italiana Suomi Svenska 中
Поиск
Principale / Novgorod Velikij per turista / La "Grande" della Lega Anseatica
La "Grande" della Lega Anseatica

La città più antica della Russia, la culla della democrazia russa, il centro mediovale del commercio e dei mestieri, il più importante partner della Lega Anseatica nei secoli XII-XVII, l’anello di congiunzione fra l’Europa mediovale e la Russia e una linea al confine fra due civiltà – tutto questo è Velikij Novgorod.

Qui non si indossavano i "lapti" (nell’antica Russia venivano chiamate le scarpe siberiane di betulla intrecciata), ma si usavano stivali di cuoio, qui, dai tempi antichi, le strade venivano lastricate, i popolani tenevano una vivace corrispondenza scritta e si investivano e si allontanavano i principi a proprio piacimento. Qui, dove sono stati scritti i primi libri nella Russia e durante gli scavi  archeologici sono stati rinvenuti le prime scritture su corteccia di betulla, aveva sede uno dei piu’ grandi uffici della Lega Anseatica in Europa.

La sede della Lega Anseatica di Novgorod, situata nel cuore del commercio mediovale – lo Dvorische di Yaroslav - era costituita dal cortile di Santo Olaf e quello di San Pietro. Circondati da una palizzata di grossi tronchi, questi cortili assomigliavano a delle fortezze. Al loro interno si trovavano le chiese, accanto delle pareti presso le quali si organizzavano i steven (riunione dei negozianti) e venivano risolte le questioni urgenti della vita dei negozianti, le case a due piani – doris - nelle quali i negozianti vivevano con i loro commessi e apprendisti, i locali per il commercio e lo stoccaggio delle merci, i locali dove lavoravano i commessi, il mulino, le fabbriche di birra, il bagno e l’ospedale. E’ interessante che l’ufficio di Novgorod della Lega Anseatica era più isolato dalla città dove si trovava. Anche se le autorità di Novgorod non avevano diritto di intervenire negli affari interni dei cortili dell’Hanse (antico termine germanico che significa sia tassa pagata da mercanti, sia raggruppamento di mercanti all’estero).

Il commercio fra la Rus’ e l’Hanse viene effettuato attraverso Novgorod. I prodotti principali dell’esportazione russa medioevale erano pellicce e cera,  molto apprezzati in tutta l’Europa. Molti monarchi e aristocratici dell’Europa occidentale indossavano lussuosi cappotti e colbacchi cuciti con le preziose pelli di ermellino, zibbellino e martora, provenienti da Novgorod; le fiammelle delle candele di cera russa guizzavano sui grandi altari delle cattedrali gotiche. A volte fra gli oggetti d’importazione c’erano gli uccelli da caccia – falchi - e oggetti di pelletteria. Anche le scarpe di Novgorod venivano molto apprezzate.

Dall’Occidente a Novgorod venivano importate le merci che in seguito arrivavano sui mercati delle altre citta’ russe. Nello stesso tempo tutte le merci venivano vantaggiosamente distribuite dai mercanti russi, invece i tedeschi vendevano le loro merci proprio a Novgorod. Prima di tutto venivano importati costosi tessuti, panni, nonché metalli non ferrosi uttilizzati nell’artigianato dai famosi maestri di Novgorod.

I mercanti della Lega Anseatica importavano vini greci, francesi, spagnoli e, nauralmente quelli renani. Inoltre introducevano sul mercato aringhe del Baltico, sale e, negli anni di carestia, anche grano.

I partner della Lega Anseatica venivano in aiuto più volte. Cosi, nel 1231 il cronista rivelava che solo il grano dell’Hanse aiutò ad alleviare le conseguenze della carestia che colpi’ Novgorod.

Il commercio fra l’Hanse e la Rus’ era all’ingrosso e al dettaglio. I soldi venivano usati, ma solo in qualità della misura dei valori delle merci. A proposito, il commercio veniva effettuato non al Mercato, ma nelle corti dell’Hanse e in quelle di Novgorod, dove i mercanti russi e quelli tedeschi esaminavano le merci necessarie a loro, sceglievano le migliori e concludevano gli affari.

I rapporti commerciali fra la Lega Anseatica e Novgorod venivano regolati da accordi speciali e dallo statuto della Corte di Hansa – lo "Skra". Nei contratti erano previste delle garanzie per un commercio sicuro. Gli articoli più importanti riguardavano la concessione ai mercanti della Lega di una "strada sicura" attraverso le terre fino a Novgorod, mentre ai mercanti di Novgorod era concesso l’accesso al Baltico.

Nel 1993 Novgorod è diventato il primo membro russo della Lega Anseatica dei tempi moderni e annualmente rappresenta le proprie tradizioni medievali nel corso delle Giornate Anseatiche Internazionali. Nell’anno del suo 1150simo anniversario la città ospiterà il XXIX Forum Internazionale "Le Giornate Anseatiche del tempo moderno" con il motto "Ampliando le frontiere".

↑ Наверх